lunedì 2 marzo 2015

Modern Witch League 5#: Alfabeto di strega: B come Bottiglia della Strega

La Bottiglia della Strega ha origini medioevali, benché il suo uso prettamente stregonesco risalga al diciottesimo secolo ed ha come epicentro la Gran Bretagna. Inizialmente la bottiglia della Strega altro non era che una palla di vetro verde o blu avvolta da una rete che i marinai utilizzavano coma galleggiante. Sappiamo che la stregoneria tradizionale fa ampio uso di tutto ciò che è "povero" e d'uso comune; quindi stessa sorte toccò a questi arnesi marinareschi. Le qualità che vennero amplificate nell'uso stregonico furono proprio la resistenza alle intemperie, il fatto di riuscire a respingere la forza del mare in tempesta e restare intatte. Inizialmente quindi vennero usate come amuleti atti a scacciare il male in generale, e nello specifico avevano il compito o di proteggere dal malocchio o dalle energie negative o dagli spiriti maligni.

Con il tempo queste sfere assunsero aspetti più ornamentali quindi la rete di corda che le avvolgeva divenne la decorazione più o meno intricata della bottiglia stessa. Questa decorazione poteva essere interna o esterna, ma era comunque presente. I luoghi in cui venivano poste queste sfere (perché non si tratta ancora di bottiglie) erano i luoghi di transito come finestre, porte o il focolare, luogo dove si passava molto tempo anticamente.




Poco a poco il loro uso si fece sempre più specifico, non abbandonando mai però anche quello iniziale di protezione. Queste sfere molto ricche avevano il compito di imprigionare gli spiriti che, attratti dalla bellezza delle sfere, si avvicinavano talmente tanto da restare rinchiusi dentro la rete della sfera. Dopo fecero la loro comparsa le Bellarmine, o Graybeard; bottiglie raffiguranti una o più facce di un uomo anziano con una barba lunga. Il nome di Bellarmine è quello di un inquisitore che molti credevano essere un demone; ed il loro scopo era opposto alle sfere, infatti questi volti dovevano spaventare i demoni proteggendo al contempo dal malocchio.

Con il tempo però l'uso che se ne fece fu sempre più vario; si passò quindi dalla semplice funzione di protezione personale o della casa, a delle Bellrmine con usi magici specifici. I ritrovamenti indicano la presenza costante di testimoni umani* maschili o femminili, chiodi, spilli, cocci di vetro o ceramica, pezzi di stoffa a forma di cuore, fili di lana rossi e sale. Queste cose vengono usate in genere per legature in amore, o per altri tipi di malocchio sempre legato a questioni di "cuore". Si capisce dunque che da amuleti queste bottiglie siano talvolta diventate dei talismani.

Uno dei tanti aspetti che queste bottiglie assunsero è quello delle gazing ball, sfere metalliche o di altri materiali capaci di riflettere la luce che venivano poste in giardino a protezione della casa; infatti i loro raggi riflessi avrebbero dovuto avere il compito di cacciare gli spiriti. Sono molto diffuse soprattutto negli U.S.A in cui si presentano sotto diversi aspetti, ricoperte di tasselli da mosaico, di monetine, oppure diventano dei "patchwork" di chincaglierie varie, rigorosamente luccicanti. Adesso hanno però quasi perso il loro uso amuletico e sono diventate elementi d'arredo da giardino essendosi trasformate in vere e proprie lampade elettriche, mantenendo solo una parvenza di quella che era la loro antica funzione di riflettere la luce.
Le witches' ball invece sono delle sfere di vetro che uniscono l'aspetto antico (vetro tondo) con l'uso più recente delle bottiglie della strega, e vengono quindi riempite a seconda dello scopo che avranno con erbe o cristalli.
In Europa invece di usare le sfere si utilizzano proprio le bottiglie, preferibilmente di vetro scuro. Non possiamo definire le moderne bottiglie delle Bellarmine proprio perché non sono di ceramica né hanno il volto dell'anziano con la barba lunga. La funzione di protezione rimane però la stessa.

Adesso però parliamo delle modalità di utilizzo. Anticamente abbiamo visto che le sfere di vetro venivano appese, vuote, a protezione della casa. Dopodiché si trasformarono in bottiglie che per funzionare venivano sepolte o comunque occultate.
In tempi recenti questa pratica è andata persa perché molte delle varianti che vi ho descritto sono fatte apposta per essere esposte, di fatti la loro estetica è molto curata. Quindi potremmo dedurre che non è più necessario seppellirle? In realtà no.
La bottiglia, se l'uso che ne facciamo è di protezione contro male e malocchio, dovremmo cercare di farla restare integra per più tempo possibile; quindi la migliore scelta è quella di seppellirla ad almeno 30 cm di profondità in un luogo dove pensiamo che difficilmente verrà trovata e distrutta. Questo ovviamente se programmiamo una bottiglia a funzionare da protezione strettamente personale fino a che non si rompa; perché possiamo anche scegliere di programmarla con scadenza annuale magari, e ricordarci di disseppellirla e di ricaricarla puntualmente. Insomma gli usi e le modalità che si possono scegliere sono davvero differenti, sta ala strega scegliere cosa, come e dove.
*i testimoni sono capelli, unghie, urina, sangue, insomma tutto quello che appartiene alla persona che riempie la bottiglia, o alla persona alla quale quella bottiglia è indirizzata in caso di fattura.
Come preparare una bottiglia per la Protezione
Le erbe che potete usare sono: Basilico, Camomilla, Cardo, Chiodi di garofano, Ginepro, Iperico, Lavanda, Malva, Mandragora (velenosa), Margherita, Pervinca, Potentilla, Ruta, Rosmarino, Edera, Trifoglio, Verbena, Viola mammola, Erica, Timo, Alloro, Anice verde, Artemisia, Finocchio, Salvia, Felce, Achillea, Cumino, Betulla, Sorbo, Frassino, Noce, Tiglio, Biancospino, Sandalo, Aconito (velenoso), Ortica, Angelica, Calendula, Abete, Riso, Vischio (velenoso), Agrifoglio (velenoso), Aglio, Cipresso (velenoso), Salice, Cicoria, Sambuco, Quercia, Pioppo.
La fase lunare propizia a mio parere è la Calante, proprio perché adatta ad allontanare e non ad attrarre; ma c'è chi non opera in questa fase lunare a prescindere.
Potete inserire un testimone anche voi, ma lo consiglio solo se siete certi che nessuno toccherà o troverò mai il contenuto della bottiglia; i testimoni sono la vostra proiezione, sono il vostro simbolo e possono essere pericolosi in cattive mani. Potete anche scrivere una formula, bruciarla e poi inserire la cenere nella bottiglia. Ricordate di affidare la protezione della bottiglia stessa ai quattro guardiani e agli dei.

Nessun commento: